Le poesie stabiesi inedite

 

 

 

A pizzeria e Zemberiniello

 

Ncoppa stazione da Vesuviana,

ce sta a pizzeria e Zemberiniello,

marricordo ca ce jevo guagliunciello.

Ll dinto pare ca o tiempo s fermato:

appena trase, sientaddore da vera pizzeria,

naddore ca nun se po descrivere a parole;

naddore misto e battumme appicciate

e e pizza cu a pummarola.

Ll te mange a vera pizza,

a pizza comme se faceva na vota

e siente a me tutta nata cosa.

Per non devi avere fretta,

pecch pe f e cose bbone,

ce v o tiempo ca ce v.

Ncoppo marmo do bancone,

altare consacrato allarte pizzaiola,

cu geste antiche ca se ripeteno

cu ammore e cu passione,

tu vide e nascere chianu chiano,

un vero capolavoro, qualcosa di semplice,

ma al tempo stesso eccezionale,

qualcosa ca sulo chelli mmane sanno f!

 

 

 

 

( Autore: Bonuccio Gatti - Copyright 2006 www.bogat.it  )