Le poesie stabiesi inedite 

 

 

 

A banchina e zi Catiello

 

Guaglione jevo a banchina e zi Catiello,

paffitt, cu e cumpagne, nu vuzzariello,

e a nu poco a vota, a mano a mano,

ce ne jevemo a pisc sotto Puzzano.

 

O pigliave pisce bbuone o mazzammella,

era sempe robba fresca, sapurita e bella.

Sentive o prufumo, a frischezza do mare,

o mare nuosto, o mare e Castiellammare.

 

E guagliune e ogge o prufumo do mare,

purtroppo, lo possono solo immaginare,

e quanto poi alla famosa e storica banchina,

la possono vedere solamente in cartolina!

 

 

 

 

( Autore: Bonuccio Gatti - Copyright 2006 www.bogat.it  )